La notte degli Oscar 2017: alcuni numeri e record

Mancano ormai meno di tre settimane ad uno dei momenti che ogni anno riuniscono tutti gli amanti del cinema sparsi in tutto il mondo, ovvero la notte degli Oscar. Come sempre le nomination hanno suscitato un dibattito che andrà avanti fino al 26 febbraio, data dell’assegnazione dei Premi Oscar. Da quel momento la discussione tra i critici e gli amanti del cinema, verterà sulle scelte dell’Academy e sicuramente vi sarà molto di cui parlare.

Tuttavia le scelte effettuate per quanto riguarda le nomination, passo dopo il quale vi è la notte degli Oscar, sono già di per se materiale molto interessante da analizzare per scoprire record e prime volte che caratterizzeranno quella che è l’ottantanovesima edizione del premio cinematografico più risalente della storia della settima arte.

Era infatti il 1929 e il mondo si apprestava a correre veloce verso quello che sarebbe stato il Secondo Conflitto Mondiale quando andò in scena la prima edizione degli Academy Awards, questo il nome dei premi che generalmente vengono chiamati Premi Oscar.

La prima edizione si tenne il 16 maggio del 1929 e molti non ci crederanno, ma la sua durata complessiva fu di meno di cinque minuti e non vi fu nessun tipo di copertura o interesse da parte degli organi di informazione statunitensi e di altri Paesi.

Pochi immaginavano che gli Academy Awards sarebbero, con il tempo, diventati un premio così ambito ed importante e che ad ogni edizione, sia al momento delle nomination che della proclamazione dei vincitori, sarebbe partita la caccia a scovare record, prime volte e curiosità. Neanche questa edizione si differenzia dalle altre e a pochi giorni di distanza dalle nomination sono tante le curiosità che vale la pena conoscere per prepararsi al meglio alla notte degli Oscar, che sarà come sempre emozionante e ricca di sorprese.

I numeri di La La Land

Tra i numeri più impressionanti di questa notte degli Oscar che si avvicina vi sono senza dubbio quelli messi insieme da La La Land, capace di entrare nel ristrettissimo club di pellicole che nella storia del cinema hanno ottenuto più nomination agli Oscar.

Finora questo esclusivo club contava solo due film, ovvero Eva contro Eva e Titanic, con il primo che vinse complessivamente sei Oscar e il secondo che invece ne portò a casa ben undici, senza però riuscire a portare alla vittoria i due attori protagonisti, ovvero Leonardo Di Caprio e Kate Winslet. La La Land punta a battere il record di undici statuette su quattordici nomination, ma sicuramente sarà molto difficile, vista l’agguerrita concorrenza.

Altro record per questo film che ha riportato il musical al centro di Hollywood è il fatto di essere il primo musical con delle musiche e una sceneggiatura totalmente originale ad essere nominato nella categoria Miglior Film da 38 anni a questa parte. L’ultima volta era accaduto con All That Jazz – Lo spettacolo comincia ed esistevano ancora il Muro di Berlino e l’URSS.

La prima volta di sette attori

Questa notte degli Oscar a cui mancano meno di tre settimane non verrà probabilmente mai dimenticata da quegli attori che per la prima volta nella loro carriera sono riusciti ad ottenere una nomination per la propria performance recitativa.

Il meno atteso di tutti tra i candidati era senz’altro Andrew Garfield: ed invece la sua interpretazione ne La battaglia di Hacksaw Ridge, opera di Mel Gibson che racconta la storia vera del primo obiettore di coscienza nella storia delle forze armate USA ha convinto l’Academy a dare spazio a questo attore di quasi 34 anni e a “tagliare”un mostro sacro come Tom Hanks, almeno per questa edizione.

Altri nomi che per la prima volta sono comparsi nelle nomination per la propria recitazione sono Isabelle Huppert, Naomie Harris, Mahershala Ali, Ruth Negga, Dev Patel e Lucas Hedges.

Chi ha già vinto almeno un Oscar e chi è alla ventesima nomination

Se per alcuni attori quella ottenuta quest’anno è la prima nomination, ve ne sono alcuni che alla notte degli Oscar hanno già trionfato una volta, come ad esempio Nicole Kidman, Jeff Bridges e Denzel Washington, solo per citarne alcuni.

Poi non vanno dimenticati Natalie Portman e Ocatvia Spencer, mentre un discorso a parte merita Merly Streep, che di Oscar ne ha vinti tre, ma che quest’anno è stata nominata per la ventesima volta, a coronamento di una carriera che ormai è leggendaria. Quest’anno proverà a vincere la sua quarta statuetta con Florence.

Altri record sparsi nella notte degli Oscar

Alcuni dubitano ancora delle capacità recitative di Matt Damon, ma l’attore da quest’anno è l’unico attore insieme all’amico George Clooney e a Warren Betty, ad aver ottenuto nomination come attore (ben tre volte), sceneggiatore (una volta) e produttore, visto che in questa Manchester by The Sea, pellicola da lui prodotta, correrà come Miglior Film.

Infine merita una citazione un mostro sacro come Thomas Newman: il compositore è un habitué dell’Academy e quest’anno per lui è arrivata la nomination numero quattordici, che porta quelle della famiglia, composta tutta da compositori, ad un numero incredibile come novanta.